ESTETICA DENTALE: FACCETTE DENTALI

Faccette dentali: quando sono consigliate?

Il dentista può consigliare l’applicazione di faccette dentali nei seguenti casi:

  • Denti frontali con alterazioni estetiche e congenite dello smalto.
  • Denti pigmentati: denti con pigmentazione intrinseca o da farmaci possono richiedere un trattamento estetico con faccette in ceramica.
  • Denti separati da diastema: in presenza di piccoli spazi fra i denti le faccette possono chiudere ed eliminare i gap presenti. Occorre precisare che ledimensioni dei diastemi devono essere contenute per non rischiare di allargare eccessivamente i denti.
  • Denti gravemente usurati e abrasi.
  • Denti resistenti alle tecniche disbiancamento.
  • Alterazione morfologiche dei denti:denti conoidi e denti corti.
  • Ricostruzioni estese: in questi casi una ricostruzione diretta potrebbe non essere ottimale per ripristinare l’estetica dell’elemento dentale.

 

Faccette dentali: quando è meglio non farle?

  • Denti soggetti a grave trauma occlusale: ad esempio nei soggetti conbruxismo o parafunzioni le faccette dentali sono controindicate perchè sono soggette a distacchi o fratture accidentali.
  • Dente con struttura coronale poco estesa:ad esempio in caso di gravi fratture dentali la struttura rimanente potrebbe non essere in grado di sostenere la faccetta dentale.
  • Denti con poco smalto.

 

Con quale materiale sono costituite le faccette?

Le faccette possono essere fatte in composito o ceramica: quelle in ceramica hanno il vantaggio di avere una maggiore luminosità e di non cambiare colore con il passare degli anni.


Condividi