Malattia Parodontale

La Malattia Parodontale è un’infezione batterica che attacca il parodonto, il quale è formato da gengive, osso e da altri tessuti di sostegno dei denti . Essendo spesso indolore può capitare che ci si accorga della malattia parodontale solo quando le gengive ed il tessuto osseo sottostante sono già seriamente compromessi .

La Malattia Parodontale , o “ PIORREA “ è la causa più frequente di perdita dei denti nell’ adulto : visite di controllo regolari permettono di fare una diagnosi precoce della malattia parodontale e di mettere in atto adeguate misure di prevenzione e di trattamento .

La placca batterica è una pellicola bianco-giallastra, composta da batteri e da residui organici del cibo, che si deposita sulla superficie dei denti soprattutto in prossimità della linea gengivale . Se non costantemente rimossa con un corretto spazzolamento essa tende ad indurire e a calcificare trasformandosi in tartaro.

Il tartaro, depositandosi al di sotto della gengiva, rende più difficile l’asportazione quotidiana della placca stessa : i batteri presenti nella placca producono delle tossine che infiammano le gengive, l’osso e gli altri tessuti che sostengono in dente . Le cause della malattia parodontale , oltre la placca batterica che ne è la principale , sono anche il fumo , una predisposizione ereditaria ( una persona su tre è predisposta geneticamente ) , la gravidanza e tutte quelle situazioni che rendono più debole la risposta immunitaria del nostro organismo alle infezioni come lo stress, malattie sistemiche come il diabete mellito, farmaci (antidepressivi,contraccettivi, antipertensivi) che possono influire negativamente sulla salute del cavo orale .

E’ bene consultare il dentista quando il paziente avverte sintomi come gengive che sanguinano facilmente con lo spazzolamento , gengive arrossate, gonfie e sensibili , gengive scollate dai denti , gengive con fuoriuscita spontanea o alla compressione di pus, alitosi persistente, denti con mobilità evidente ,spostamento dei denti con creazione di spazio tra un dente e l’altro .

La diagnosi della malattia parodontale deve essere fatta il più precocemente possibile : in condizioni normali la parte superiore della gengiva è staccata per un’altezza di circa 3 mm ( solco gengivale ) .

Nel caso di malattia parodontale questo spazio aumenta formando una tasca parodontale dove si accumula placca batterica e l’ igiene domiciliare diventa difficile . Una sonda millimetrata inserita tra un dente e la gengiva misura la profondità della tasca parodontale : nella diagnosi della malattia parodontale si valuta, inoltre,se le gengive sanguinano , sono gonfie , se i denti presentano mobilità o sono sensibili .

Infine il quadro diagnostico completo della malattia parodontale si ha facendo uno status radiografico completo dente per dente per valutare radiograficamente il grado di riassorbimento osseo .


Condividi