Implantologia

E’ il ramo più recente della continua ricerca odontoiatrica e negli ultimi anni ha raggiunto livelli di sicurezza , affidabilità e predicibilità di successo nel tempo tali da renderla la soluzione ottimale per qualsiasi caso di sostituzione di elementi dentali naturali persi .

La sostituzione dei denti persi può comportare il coinvolgimento dei denti contigui alla perdita  mediante l’utilizzo di protesi fisse ancorate a denti naturali spesso sani. In alcuni casi le condizioni della bocca non permettono di poter posizionare protesi fisse ancorate su denti naturali e si è costretti a ricorrere ad apparecchi mobili , che vanno rimossi e puliti dopo ogni pasto .

L’ implantologia è nata anche e soprattutto per ovviare a questi inconvenienti come alternativa valida ai piani di trattamento più tradizionali . L’implantologia consiste nel posizionamento chirurgico di strutture cilindriche in titanio all’ interno dell’ osso nelle sedi corrispondenti alla perdita di un dente naturale  svolgendo la funzione di “ radice “ sulla quale si possono cementare uno o più denti artificiali fissi .

Dopo una accurata fase diagnostica rappresentata dallo studio dei modelli occlusali del paziente e dalla valutazione radiografica delle strutture ossee mediante Ortopantomografia digitale e ,se necessario, TAC viene eseguito un piano di trattamento personalizzato e programmato l’intervento durante il quale vengono posizionati gli impianti completamente sommersi nell’ osso e ricoperti dalla gengiva .

Segue un periodo di pausa variabile tra i 4 e i 6 mesi per consentire l’osteointegrazione degli impianti e quindi una seconda fase per la riapertura e lo scoprimento della “testa” degli impianti e la connessione a questi dei monconi , cioè dei ”perni” che fuoriescono dalla gengiva e sui quali verranno cementate le corone in porcellana o in resina/composito, esattamente come se fossero monconi di denti naturali .

La ricerca scientifica in continua evoluzione ha recentemente permesso di posizionare e protesizzare immediatamente gli impianti ( implantologia “a carico immediato”) senza aspettare i tempi fisiologici della osteo-integrazione : è possibile cioè in un’unica seduta posizionare gli impianti nell’osso , avvitarvi i monconi e porre su questi i denti provvisori fissi . Dopo 3 o 5 mesi si può procedere alla protesizzazione finale .

Tale tecnica del carico immediato in implantologia  si può eseguire sia per denti singoli sia su bocche prive totalmente di denti da numerosi anni spesso in condizioni di grave atrofia ossea .

Tutto si esegue in un giorno e solo su 4 o 6 impianti sul mascellare superiore e sulla mandibola : il paziente entra in sala operatoria con una o due protesi mobili ed esce con una o due protesi fisse ancorate sugli impianti , può ritornare presso il proprio domicilio  ed utilizzarli immediatamente masticando.

Presso lo Stomatologico Lariano sono state perfezionate tecniche chirurgiche e maxillo-facciali all’avanguardia che permettono, in un’unica giornata , di posizionare impianti endo-ossei  e protesizzarli con denti fissi in qualsiasi condizione di edentulia e atrofia ossea .

Il titanio è un metallo caratterizzato da alta tollerabilità organica , tanto che è comunemente usato nella produzione delle protesi ortopediche . Non esiste il rigetto , che è la reazione immunologica da parte del nostro organismo nei confronti di un organo “ non self “ come avviene nei trapianto d’organo : il titanio non stimola alcuna reazione immunitaria da parte del tessuto ricevente , viene anzi osteointegrato cioè “ inglobato “ dall’ osso con un processo che richiede dai tre ai sei mesi a seconda della sede d’ inserzione .

Presso lo Stomatologico Lariano srl vengono utilizzati vari sistemi implantari che ben si adattano ad ogni esigenza del paziente (impianti con marchio CE e certificazione ISO 2001)

Il Professor Branemark fu il primo medico chirurgo , in tutto il mondo , nel 1965 a posizionare degli impianti endo-ossei in un essere umano con successo e predicibilità: il Dr. Massimo Cianci , già da molti anni , ha acquisito ed applica sui propri pazienti tale metodica  con successo. Sono pertanto da evitare impianti artigianali , di cui purtroppo in Italia vi è un mercato diffusissimo  o “cloni “ di impianti commercializzati da ditte non qualificate dei quali non è chiara la provenienza o la composizione chimica nonostante vengano offerti al medico e conseguentemente al paziente a prezzi notevolmente inferiori  : in tali situazioni sono frequenti i problemi di osteo-integrazione e di fratture della componentistica protesica .

L’intervento chirurgico viene effettuato ambulatorialmene in anestesia locale o , se necessario , in sedo-analgesia farmacologica in presenza di un anestesista .

Il dolore post-operatorio è  assente tanto che il paziente può in giornata o al massimo in quella successiva riprendere la normale attività lavorativa

 


Condividi