Protesi fissa e mobile

 

La perdita anche di un solo dente comporta modificazioni a carico di tutto l’apparato masticatorio , che si fanno sempre più evidenti e difficilmente  risolvibili quanto più passa il tempo . Ogni elemento perso va sostituito .

Esistono protesi mobili e fisse :

–         Le protesi mobili sono ancorate ai denti residui o appoggiate alle gengive se i denti sono mancanti del tutto .Vanno rimosse e pulite dopo ogni pasto . Hanno però con il passare degli anni  una azione nociva nei confronti dei denti di supporto, costretti a carichi e forze anomale che ne possono compromettere la stabilità.

–         Le protesi fisse consistono in denti artificiali che vengono posizionati in bocca cementandoli su quelli residui , una volta che questi siano stati “preparati“ , dopo cioè che siano stati ridotti di volume asportandone lo smalto con strumenti rotanti e modellandone la forma in modo da renderli paralleli tra loro.

In questo caso non c’è la necessità di rimuovere la protesi e i denti possono essere puliti con lo spazzolino come se fossero quelli naturali . I materiali oggi disponibili , come la ceramica con o senza oro , ci consentono di raggiungere risultati estetici praticamente perfetti .

La protesi fissa ha però due limiti fondamentali : il primo è la necessità di devitalizzare e fresare alcuni denti anche se non presentano lesioni cariose , il secondo è relativo al fatto che la struttura protesica deve poggiare su un numero sufficiente di elementi pilastro  e non sempre questi sono disponibili .

Questi limiti possono essere aggirati ricorrendo all’implantologia, procedura che consiste nel posizionare chirurgicamente nell’osso della mandibola o della mascella , nella sede dove manca il dente naturale, strutture di titanio simili per grandezza e forma alla radice naturale del dente. IL titanio è un metallo che possiede la caratteristica di venire “ integrato “ dall’ osso umano , che in qualche mese ingloba l’ impianto in modo da renderlo adatto a sostenere un elemento protesico fisso .

CASI CLINICI:

PRIMA                                                                                       DOPO

Non c’è più la necessità, quindi , di intervenire sugli elementi dentari sani e si possono posizionare protesi fisse laddove è impossibile senza il ricorso all’ implantologia . “ Denti fissi in un giorno  solo su 4 o 6 impianti”

E’ una nuova tecnica chirurgica che permette , in presenza di mascellari edentuli con gravi atrofie ossee , di poter posizionare in un’ unica giornata una protesi fissa che poggia su quattro impianti senza intervenire in precedenza con innesti ossei o interventi invasivi di chirurgia maxillo-facciale .

Per maggiori informazioni clicca qui

 

 


Condividi